Bulimia Nervosa

Tra i disturbi dell’alimentazione la Bulimia Nervosa appare tra le più ingannevoli.

Se nel caso dell’anoressia e del disturbo da alimentazione incontrollata gli effetti sono chiaramente riconoscibili, nel caso della bulimia, la presenza della malattia non è così evidente.

Tra i disturbi dell’alimentazione la Bulimia Nervosa appare tra le più ingannevoli.
Donec odio. Quisque volutpat mattis eros. Nullam malesuada erat ut turpis. Se nel caso dell’anoressia e del disturbo da alimentazione incontrollata gli effetti sono chiaramente riconoscibili, nel caso della bulimia, la presenza della malattia non è così evidente.

La bulimia si manifesta nella tendenza a ricorrere ad abbuffarsi di grosse quantità di cibo in un tempo che un’altra persona giudicherebbe eccessivo. Queste abbuffate vengono poi vissute con dolorosi sensi di colpa e di disgusto verso se stessi che accompagnano la persona in tutti i tentativi di prevenire l’aumento di peso con metodi basati sul digiuno, il vomito autoindotto, l’uso di lassativi, diuretici o ancora, attraverso un intenso esercizio fisico.

Le persone che soffrono di Bulimia provano intimamente vergogna, si sentono profondamente insoddisfatte e deluse di se stesse. Sono preoccupate per il proprio peso e per le loro forme corporee. Fortemente critiche, si giudicano in base al proprio aspetto fino a che cibo e corpo diventano strumenti esclusivi di espressione di conflitti e disagi, individuali e relazionali.

Esistono diversi segnali relativi al cibo, al corpo, al comportamento e all’umore che possono aiutare ad individuare la possibilità che si stia sviluppando un disturbo del comportamento alimentare:

  • Preoccupazione per il cibo
  • Un attenzione particolare e nuova per le ricette culinarie
  • Particolare sensibilità per gli argomenti che riguardano l’alimentazione
  • Consumo dei pasti in solitudine
  • Cucinare per le altre persone
  • Irritabilità, disagio, conflitti legati alla quantità dei pasti.
  • Abbandonare la tavola durante i pasti principali
  • Mangiare di nascosto
  • Abbuffarsi
  • Indursi il vomito
  • Bere molti liquidi per attenuare la fame
  • Negare di avere fame
  • Sentirsi colpevoli rispetto al cibo
  • Sentimenti di profonda vergogna
  • Pesarsi spesso
  • Paura eccessiva di ingrassare
  • Aumento dell’attività fisica
  • Abuso di diuretici, pillole dimagranti o lassativi
  • Ritiro sociale o isolamento
  • Fluttuazioni del peso
  • Nelle donne interruzioni o irregolarità del ciclo mestruale
  • Dolore o sensazione di gonfiore addominale
  • Vertigini o svenimenti